Home » La Retrospettiva Rosea: come cavalcare le onde del bias cognitivo nel marketing

La Retrospettiva Rosea: come cavalcare le onde del bias cognitivo nel marketing

C’è un fenomeno psicologico che noi, come esseri umani, sperimentiamo regolarmente, anche se non ne siamo sempre consapevoli. È qualcosa che permea la nostra percezione del passato e dipinge i nostri ricordi con una luce più rosea. Questo fenomeno, conosciuto come “bias cognitivo retrospettiva rosea“, ha implicazioni profonde per come percepiamo le esperienze passate, influenzando le decisioni che prendiamo nel presente. Per i marketing manager, questa tendenza cognitiva può essere una spada a doppio taglio. Se non presa in considerazione, può distorcere la percezione del successo delle campagne passate, ma se capito e sfruttato correttamente, può diventare un potente strumento di remarketing.

La doppia natura del bias cognitivo retrospettiva rosea: sfide e opportunità nel marketing

Immaginate di guardare indietro a un evento di marketing che avete gestito l’anno scorso. Ricordate l’energia, l’euforia, i feedback positivi dei clienti e la gratificazione di un lavoro ben fatto. Ma ricordate anche le notti insonni, le scadenze pressanti, i contrattempi tecnici o i feedback negativi? Probabilmente no, o almeno non con la stessa intensità. Questo è il bias cognitivo retrospettiva rosea all’opera.

Il problema nasce quando questa distorsione cognitiva (o bias) ci porta a sopravvalutare il successo delle nostre campagne passate, facendoci dimenticare le difficoltà e gli ostacoli che abbiamo dovuto superare. Questo può portarci a ripetere gli stessi errori, trascurando di apportare miglioramenti significativi. Ma come dice il vecchio adagio, “ogni problema è un’opportunità in travestimento“. Quindi, come possiamo trasformare questo bias cognitivo in un’opportunità di marketing?

Sfruttare il bias cognitivo retrospettiva rosea nel remarketing: capire, gestire e interpretare le esperienze dei clienti

La soluzione risiede nel capire come il bias cognitivo retrospettiva rosea influisce sul comportamento dei consumatori e nel sfruttare queste conoscenze nelle nostre strategie di remarketing.

In primo luogo, capire che i consumatori sono propensi a ricordare i prodotti o i servizi che hanno acquistato in passato in una luce più positiva può aiutarci a creare strategie di remarketing efficaci. Ad esempio, possiamo utilizzare questa tendenza per inviare messaggi di marketing che ricordano ai consumatori le esperienze positive che hanno avuto con i nostri prodotti o servizi in passato.

Un secondo modo per sfruttare il bias cognitivo retrospettiva rosea è attraverso la gestione delle aspettative dei clienti. Se riusciamo a far sì che i clienti si aspettino un’esperienza positiva, saranno più propensi a ricordare l’esperienza in modo positivo, indipendentemente da eventuali piccoli problemi o inconvenienti che potrebbero incontrare.

Infine, è importante ricordare che il bias cognitivo retrospettiva rosea può influenzare anche il modo in cui percepiamo i feedback dei clienti. I clienti potrebbero dare un feedback positivo su un prodotto o un servizio basandosi su un ricordo roseo, piuttosto che su un’esperienza obiettivamente positiva. Quindi, quando raccogliamo feedback, dobbiamo fare attenzione a non cadere nella trappola del bias cognitivo retrospettiva rosea.

Sfruttare il potere del bias cognitivo retrospettiva rosea nel marketing esperienziale

Per illustrare come tutto ciò può funzionare in pratica, consideriamo un esempio. Immaginate di gestire una catena di ristoranti. Avete notato che molti clienti che hanno visitato i vostri ristoranti in passato non sono tornati, nonostante abbiano lasciato recensioni positive. Potreste utilizzare il bias cognitivo retrospettiva rosea per inviare e-mail di remarketing che ricordano ai clienti le esperienze positive che hanno avuto nei vostri ristoranti. Potreste includere foto dei piatti più popolari, citazioni di recensioni positive o persino offerte speciali per incentivare una visita.

Un altro esempio potrebbe essere l’organizzazione di un evento annuale. Dopo l’evento, potreste inviare ai partecipanti un sondaggio per raccogliere feedback. Tenendo conto del bias cognitivo retrospettiva rosea, potreste strutturare il vostro sondaggio in modo da porre domande specifiche che richiedono ai partecipanti di riflettere in modo critico sulle loro esperienze, piuttosto che fare domande generiche che potrebbero portare a risposte distorte dal bias.

Cavalca l’onda del bias cognitivo retrospettiva rosea: trasforma il passato in un’arma di successo per il tuo business

Ora è il momento di abbracciare il potenziale illimitato del bias cognitivo retrospettiva rosea nel marketing. Sfrutta questa conoscenza per superare le sfide e cogliere le opportunità, creando esperienze di acquisto indimenticabili per i tuoi clienti e conquistando il successo che meriti. Non lasciare che il passato sfumi nella memoria: trasformalo in un’arma di persuasione per il futuro del tuo business.

Capire la personalità dei clienti con Drew D’Agostino e Greg Skloot

Come il Modello dei due cervelli può aiutarti a creare strategie di Branding efficaci

Il modello “Big Five” e il suo ruolo nelle attività di branding

L’Illusione della scelta: come il Neuromarketing e i Bias Cognitivi controllano ciò che acquistiamo