Home » La danza tra angeli e diavoli nel marketing: come dominare i bias Halo e Horn

La danza tra angeli e diavoli nel marketing: come dominare i bias Halo e Horn

Come ormai saprai i bias sono distorsioni cognitive del pensiero umano che influenzano il modo in cui le persone percepiscono e interpretano le informazioni. Il bias di Halo e il bias di Horn sono due di questi fenomeni che possono avere un impatto significativo sul marketing. 

Ora proveremo ad esplorare la natura di questi due bias con alcuni esempi di come si manifestano e con qualche suggerimento su come sfruttarli per migliorare le tue strategie di marketing.

Bias di Halo (percezione positiva)

Il bias di Halo, o effetto alone, si verifica quando le persone attribuiscono automaticamente caratteristiche positive a qualcosa o qualcuno basandosi solo su una singola caratteristica positiva. In poche parole, tendiamo a crearci un’impressione generale positiva basandoci su una qualità che ci piace, anche se non è necessariamente rappresentativa dell’intero prodotto o persona.

Facciamo un esempio: un’azienda può sfruttare il bias di Halo per la sua immagine di marca utilizzando un brand ambassador (testimonial) famoso e ben noto per i suoi successi in un determinato campo. Pensa ad un campione olimpico che potrebbe essere scelto come ambasciatore del marchio per una linea di abbigliamento sportivo. I consumatori, vedendo il testimonial di successo, potrebbero associare automaticamente il successo dell’atleta all’intera linea di prodotti, rendendo quindi il brand più desiderabile.

Bias di Horn (percezione negativa)

Il bias di Horn, o effetto corna / Diavolo, è praticamente l’opposto del bias di Halo: si verifica quando le persone attribuiscono automaticamente caratteristiche negative ad un prodotto o ad una persona basandosi su una singola caratteristica negativa. Quindi come in precedenza, tendiamo a crearci un’impressione generale negativa basandoci su una qualità che non ci piace (sgradevole), anche se non è necessariamente rappresentativa dell’intero oggetto o persona.

Prova a pensare ad una azienda che commercializza un prodotto alimentare che potrebbe riscontrare il bias di Horn se il prodotto contiene un ingrediente controverso. Anche se il prodotto ha molte altre qualità positive, i consumatori potrebbero evitare di acquistarlo a causa della loro preoccupazione per quel maledetto e unico ingrediente.

I bias di Halo e Horn sono ovviamente correlati in quanto entrambi influenzano le nostre impressioni generali basandosi su singole caratteristiche. Mentre il bias di Halo ci porta a percepire le cose in modo più positivo, il bias di Horn ci porta a percepirle in modo più negativo. Entrambi i bias possono quindi avere un impatto significativo sul marketing e sulla percezione del marchio da parte dei consumatori.

Come sfruttare i bias di Halo e Horn per le mie strategie di marketing?

Utilizzare testimonial e partnership positive: Sfrutta il bias di Halo scegliendo testimonial che incarnano i valori e le qualità che desideri associare al tuo marchio. Le partnership con organizzazioni rispettate e ben viste possono anche generare un effetto Halo.

Creare un’immagine di marca coerente e positiva: Assicurati che tutti gli aspetti del tuo marchio, dalla comunicazione visiva ai contenuti sui profili social, riflettano le qualità positive che desideri associare al tuo marchio. Questo aiuterà a rafforzare l’effetto Halo e a creare un’impressione positiva complessiva.

Monitorare e gestire la reputazione online: Controlla regolarmente le recensioni e i commenti sui tuoi prodotti e servizi per individuare eventuali problemi o preoccupazioni che potrebbero innescare il bias di Horn. Affronta queste questioni prontamente e apertamente per dimostrare la tua responsabilità e preoccupazione per i tuoi clienti.

Evitare associazioni negative: Evita di associare il tuo marchio a persone o organizzazioni con una reputazione negativa, poiché ciò potrebbe innescare il bias di Horn. Presta attenzione alle notizie e agli eventi del settore per essere consapevole di potenziali problemi che potrebbero influenzare negativamente la percezione del tuo marchio.

Focalizzarsi sui punti di forza: Metti in evidenza le qualità positive e i punti di forza del tuo marchio nella comunicazione e nelle campagne di marketing. Ciò contribuirà a creare un effetto Halo intorno al tuo marchio e a mitigare l’impatto potenziale del bias di Horn.

Educazione e trasparenza: Fornisci informazioni chiare e accurate sui tuoi prodotti e servizi per aiutare i consumatori a prendere decisioni informate. La trasparenza può aiutare a mitigare gli effetti del bias di Horn e a rafforzare la fiducia dei consumatori nel tuo marchio.

Per concludere possiamo dire che sfruttare i bias di Halo e Horn nel marketing può certamente aiutarti a creare un’impressione positiva del tuo brand e a migliorare le tue strategie di marketing. Presta attenzione a come questi bias influenzano la percezione dei consumatori e adotta misure per massimizzare l’effetto Halo e minimizzare l’impatto del bias di Horn. Trasparenza, responsabilità e un’immagine di marca coerente e positiva sono tutti elementi chiave per sfruttare con successo questi bias cognitivi per il tuo branding.

Come Sfruttare l’Effetto Endowment nel Neuromarketing

Bias Cognitivo Backfire: una forza controversa nel Neuromarketing

Ascoltare per capire: lezioni da LISTEN di Marco Andrea Tolentino e Anna Claudia Pellicelli

Le Figure Retoriche nel marketing digitale: come la pubblicità si arricchisce di simbolismi e metafore