Home » Un’arma in più nella tua strategia di branding: la Gamification

Un’arma in più nella tua strategia di branding: la Gamification

Oggi, le aziende stanno utilizzando la Gamification come un modo per comunicare con il loro pubblico di riferimento offrendo numerosi vantaggi come l’interattività, l’engagement, e l’aggiunta di elementi divertenti alla classica comunicazione di marca.

Immagina di avere a disposizione un universo di strumenti interattivi, capaci di coinvolgere il pubblico e rendere l’esperienza di marca memorabile. No, non è un sogno: è la Gamification, una delle chiavi per creare connessioni emotive tra il pubblico e il tuo prodotto (azienda o servizio) e rendere la comunicazione più efficace e coinvolgente.

Non si tratta solo di utilizzare elementi di gioco (come puoi immaginare dalla parola stessa), ma di trasformare l’esperienza di interazione con il tuo brand in una vera e propria avventura. La Gamification permette di creare un percorso che coinvolge il pubblico e lo spinge a diventare un attore attivo nella storia del tuo marchio.

Ci sono molti modi per fare Gamification, alcuni esempi potrebbero essere:

  • Sfide e competizioni: creare sfide e competizioni tra i clienti e premiare i vincitori con incentivi, sconti o prodotti gratuiti.
  • Ricompense e badge: riconoscere i clienti che completano determinate azioni con badge, punteggi o ricompense, come ad esempio sconti, prodotti gratuiti o accesso esclusivo a contenuti.
  • Condivisioni: incoraggiare i clienti a condividere le proprie esperienze sui canali social, creando una community attiva e coinvolta.
  • Feedback e sondaggi: invitare i clienti a fornire feedback sui prodotti o servizi attraverso sondaggi o quiz interattivi, offrendo loro la possibilità di guadagnare punti o ricompense.
  • Missioni e obiettivi: creare obiettivi e missioni per i clienti da completare, che possono essere collegati a premi o sconti.

Questi sono solo alcuni spunti di Gamification. Se invece vogliamo fare esempi di applicazioni fatte da brand, pensa a:

  • Nike: ha creato l’app “Nike Run Club: corse e gare”, che permette agli utenti di registrare le proprie attività di corsa, partecipare a sfide e missioni, e condividere i propri risultati sui social media.
  • Eni: ha creato un’app chiamata “Eni Live”, che invita gli utenti a visitare le stazioni di servizio Eni e a partecipare a sfide e quiz per vincere premi.
  • Heineken: ha creato una campagna chiamata “The Odyssey”, in cui i consumatori sono invitati a risolvere enigmi e a cercare indizi per vincere una bottiglia di birra personalizzata. Questa esperienza di gioco coinvolgente ha aiutato Heineken a raggiungere nuovi clienti e a mantenere la fedeltà dei clienti esistenti.

Credo che la Gamification sia un approccio vincente per creare brand awareness, aumentare l’engagement e generare lead, grazie all’utilizzo di bias cognitivi e alla creazione di esperienze coinvolgenti. In questo modo, il tuo marchio può diventare parte integrante della vita dei propri clienti, generando fedeltà e aumentando le possibilità di acquisirne di nuovi.

Come il Modello dei due cervelli può aiutarti a creare strategie di Branding efficaci

Il labirinto della Dissonanza Cognitiva tra conflitti e convinzioni

Bias Cognitivo Backfire: una forza controversa nel Neuromarketing

L’effetto del carrozzone: come i big brand hanno raggiunto il successo