Home » Come i dati diventano storie: la magia della Gestalt e dei pattern

Come i dati diventano storie: la magia della Gestalt e dei pattern

Il mondo dei dati è un luogo affascinante per il branding, ma spesso è ostico. Quando ci troviamo di fronte a un set di dati, è facile sentirsi sopraffatti dalla quantità di metriche (valori numerici), dimensioni (valori nominali) e dalle possibili interpretazioni. Ma come possiamo fare per trarre le giuste conclusioni e tradurre i dati in modo efficace per renderli comprensibili ai nostri clienti, ad esempio con un report?

Ecco che ci viene in aiuto il Data Storytelling. Questo approccio alla comunicazione dei dati ci aiuta a creare storie attorno ai “numeri”, che li contestualizzano e li rendono più comprensibili e significativi al lettore. Ma come possiamo creare storie persuasive attraverso i dati? La risposta è nella ricerca dei pattern e nelle leggi della Gestalt.

La ricerca dei pattern è il processo di identificazione dei modelli e delle relazioni nei dati. Quando analizziamo un set di dati, tendiamo a cercare pattern che ci aiutino a comprendere le informazioni in modo più completo e accurato. Questa capacità è fondamentale per l’analisi dei dati, poiché ci consente di trarre conclusioni utili e di prendere decisioni consapevoli.

Quindi, come possiamo utilizzare i pattern per creare storie persuasive attraverso i dati? La risposta sta nelle leggi della Gestalt. Questi principi psicologici descrivono come il cervello umano organizza le informazioni visive. Utilizzando queste regole, possiamo progettare visualizzazioni dei dati efficaci, facili da leggere e comprendere.

Ad esempio, possiamo utilizzare la legge della prossimità per raggruppare i dati simili insieme, creando un senso di coesione visiva. Inoltre, possiamo utilizzare la legge della continuità per creare linee di flusso che guidino l’occhio del lettore attraverso il grafico, creando una narrazione visiva.

Ma il Data Storytelling non riguarda solo la presentazione dei dati, ma anche la comprensione del target di riferimento. Per creare storie persuasive attraverso i dati, dobbiamo comprendere il nostro pubblico e creare storie pertinenti e significative per loro.

Possiamo utilizzare diverse tecniche narrative per creare storie persuasive attraverso i dati. Ad esempio, possiamo utilizzare la tecnica del racconto visivo, che consiste nell’utilizzare visualizzazioni dei dati in combinazione con narrazioni verbali per creare una storia più completa. Inoltre, possiamo utilizzare la tecnica della progressione narrativa, che consiste nell’utilizzare visualizzazioni dei dati per creare una storia che si sviluppa su una linea temporale.

In pratica grazie al Data Storytelling (narrazione), ai concetti della ricerca dei pattern e alle leggi della Gestalt, è possibile creare visualizzazioni dei dati memorabili e persuasivi.

Capire la personalità dei clienti con Drew D’Agostino e Greg Skloot

Le Figure Retoriche nel marketing digitale: come la pubblicità si arricchisce di simbolismi e metafore

Nella mente del consumatore: l’invisibile filo della Salienza che lega Brand e desiderio

Il modello “Big Five” e il suo ruolo nelle attività di branding