Home » Il ruolo del Marker Somatico nel Neuromarketing: come misurare le risposte emotive agli stimoli di marketing

Il ruolo del Marker Somatico nel Neuromarketing: come misurare le risposte emotive agli stimoli di marketing

Hai mai visto un annuncio pubblicitario e sentito un brivido lungo la schiena? O forse il battito del cuore accelerato mentre guardavi il video di un nuovo prodotto? Se la risposta è “sì”, allora sei stato esposto alla magia del Neuromarketing. Ma prima di immergerci in questo affascinante mondo, cerchiamo di capire di cosa stiamo parlando.

Il Neuromarketing non è altro che la fusione di due mondi: il marketing e la neuroscienza. Studia come i messaggi di marketing influenzano il nostro cervello e, di conseguenza, il nostro comportamento. E come fa? Attraverso diversi strumenti e tecniche, tra cui spicca il Marker Somatico.

Il Marker Somatico si basa sulla premessa che ogni emozione che proviamo è associata a una specifica risposta fisica nel nostro corpo. Questa connessione mente-corpo non è solo affascinante, ma estremamente utile per i marketer.

Conversando sulle emozioni: come reagisce il nostro corpo?

Proviamo a fare un piccolo esperimento. Pensate a un ricordo felice. Magari il giorno del vostro diploma o quando avete ricevuto un regalo inaspettato. Cosa provate? Probabilmente sentirete un’accelerazione del battito cardiaco, un sorriso involontario e un senso di leggerezza. Queste sono le risposte fisiologiche alle emozioni positive.

Al contrario, pensate a un momento triste o spaventoso. La vostra frequenza cardiaca potrebbe diminuire, la respirazione diventare più lenta e profonda e potreste avvertire una sensazione di pesantezza. Queste sono risposte somatiche a emozioni negative.

Ora, immaginate di poter misurare queste reazioni e usarle per capire come le persone rispondono a un messaggio pubblicitario. Questo è esattamente quello che fa il Marker Somatico nel campo del Neuromarketing.

Il marker somatico e il marketing: un matrimonio perfetto

Quando guardiamo un annuncio, sia esso in TV, online o su un cartellone pubblicitario, il nostro corpo reagisce, anche se non ce ne rendiamo conto. Queste risposte sono estremamente preziose per i professionisti del marketing.

Se, ad esempio, durante un annuncio televisivo, un gruppo di persone mostra un aumento del battito cardiaco e un respiro più rapido, ciò potrebbe indicare che l’annuncio sta provocando emozioni positive. Al contrario, se la frequenza cardiaca rallenta e il respiro diventa più lento, potrebbe significare che l’annuncio non sta ottenendo la risposta desiderata.

Ma non è tutto. Con l’avvento delle moderne tecnologie di imaging cerebrale, come la fMRI, i ricercatori possono ora guardare dentro il cervello umano in tempo reale. Una regione chiamata amigdala, associata alle emozioni, può illuminarsi quando siamo esposti a messaggi che suscitano emozioni forti. Se durante la visione di un annuncio, l’amigdala mostra un’attività aumentata, potrebbe significare che l’annuncio ha un forte impatto emotivo e, di conseguenza, potrebbe convincere le persone ad acquistare il prodotto pubblicizzato.

Il futuro del marketing è nel nostro cervello

Il Neuromarketing, con l’ausilio di strumenti come il Marker Somatico, sta rivoluzionando il modo in cui le aziende comunicano con i loro clienti. Non si tratta solo di mostrare un prodotto, ma di connettersi emotivamente con il consumatore, toccando le corde giuste.

Mentre ci muoviamo verso un futuro sempre più digitalizzato, con la realtà virtuale e aumentata che diventano sempre più comuni, il ruolo del Neuromarketing diventerà ancora più cruciale. E chi può dire quali altri segreti del nostro cervello saranno svelati in futuro?

Quello che sappiamo è che le emozioni guidano le nostre decisioni e il nostro comportamento. E con il Marker Somatico, le aziende possono sintonizzarsi su queste emozioni, creando campagne di marketing che non solo vendono, ma che toccano veramente il cuore delle persone.

L’Iperbole nella pubblicità: il potere dell’esagerazione creativa

Sinestesia e marketing: la potenza delle figure retoriche nella pubblicità

L’Illusione della scelta: come il Neuromarketing e i Bias Cognitivi controllano ciò che acquistiamo

Come i dati diventano storie: la magia della Gestalt e dei pattern