Home » Come il bias cognitivo Priming guida le scelte dei tuoi consumatori

Come il bias cognitivo Priming guida le scelte dei tuoi consumatori

Chi non ha mai sentito parlare di un prodotto e poi, senza sapere come se ne è innamorato? Questo che può sembrare un arcano, in realtà è uno dei tanti bias cognitivi, il Priming. Questo concetto influisce sulla percezione che il tuo consumatore ha nelle situazioni in cui comunichi.

Il Bias del Priming diventa pertanto un’arma molto efficace in quanto influisce di conseguenza sulle scelte di acquisto del nostro target. Questa distorsione cognitiva (bias Priming) si basa su molti elementi tra cui possiamo trovare:

La Coerenza (il re)

Tutti gli elementi della tua comunicazione, dalla grafica al tono di voce, devono essere allineati con i valori e le caratteristiche del tuo brand. Un esempio è Coca-Cola, con il suo logo e il suo slogan storico “Il gusto della vita”, mantiene una coerenza nel tempo nella sua comunicazione.

La Ripetizione (la madre della memoria)

Ripetere costantemente i messaggi chiave del tuo brand aiuta a creare un’associazione automatica tra il tuo marchio e i valori che vuoi trasmettere. Un esempio potrebbe essere Nike, con la sua famosa frase “Just do it”, si è assicurata di ripetere costantemente questo messaggio, diventando un’icona nella cultura popolare.

La Realtà Percepita (è tutto)

La percezione del pubblico verso il tuo marchio è fondamentale. Assicurati che i tuoi messaggi siano in linea con le aspettative e le esigenze del tuo pubblico. Un esempio è Amazon, con la sua reputazione di azienda conveniente e affidabile, ha sviluppato un’immagine di marca che risponde alle aspettative e alle esigenze dei suoi clienti.

La Consistenza (la chiave)

Mantenere una comunicazione coerente nel tempo aiuta a creare un’immagine forte e memorabile del tuo marchio. Evita di cambiare continuamente la tua strategia di branding, altrimenti rischi di confondere il pubblico. L’esempio è McDonald’s, con la sua linea di prodotti fast food, mantiene una consistenza nella sua comunicazione, creando un’immagine coerente e riconoscibile.

Le Emozioni (il cuore)

Le emozioni giocano un ruolo fondamentale nella formazione dell’immagine del tuo marchio. Crea un’associazione positiva tra il tuo marchio e le emozioni piacevoli per aiutare il tuo pubblico a ricordare il tuo brand in modo positivo. L’esempio potrebbe essere il brand Harley-Davidson, con la sua immagine di marca che evoca libertà e avventura, ha creato un’associazione positiva tra il suo marchio e le emozioni piacevoli.

In poche parole il Priming consiste nell’esporre un individuo a una certa stimolazione, in modo da influenzare le sue successive risposte. Quindi comprendere il modo in cui questo fenomeno agisce sul consumatore è cruciale per le strategie di marketing.

Il fascino irresistibile del bias della riprova sociale: un viaggio tra psicologia e web marketing

La danza tra angeli e diavoli nel marketing: come dominare i bias Halo e Horn

Un’arma in più nella tua strategia di branding: la Gamification

Costruire un marchio di successo per le PMI: superare i bias cognitivi per creare un’identità unica e distintiva